Superyacht.eu Nautica Digitale
Share this page
Tell a friend


IMPRESSIONE DI NAVIGAZIONE

Articolo estratto dall'archivio di migliaia di prove di barche effettuate da Nautica in quasi 50 anni di attività

Prove di navigazione

Si ricorda che il modello oggetto di questa prova potrebbe essere fuori produzione mentre il prezzo, se presente, si riferisce al momento della pubblicazione dell'articolo sulla rivista

Per eventuali informazioni aggiornate sul modello in prova nonché su tutti gli altri modelli prodotti dal medesimo cantiere vi rimandiamo al nostro
ANNUARIO
DELLA NAUTICA

Testo e foto di Antonio Bignami

Pubblicato su Nautica 388 di agosto 1994


CAMUFFO MOTORYACHT C50 FB

Camuffo Motoryacht C50 FB

Sono state coniate infinite definizioni per riassumere l'attività e le barche del Cantiere Navale Camuffo, uno dei rari esempi, in un universo di improvvisatori, di «vocazione» generazionale nel costruir barche (il primo legno navigante firmato Camuffo risale al 1438). L'ultimo figlio di una famiglia così numerosa e antica è questo splendido M/Y C50 FB, generato dalla stessa passione e dagli stessi legni di sempre, ma le parole, al solito, non saranno all'altezza. Parleremo allora della coibentazione, dell'assenza di muffe e di odori, dell'elasticità naturale e potente di una struttura che offre prestazioni straordinarie a fronte di una durata nel tempo e di una rivalutazione quasi genealogica.

Si sa, in poche e strette parole, sono questi i primi «appunti» che il cronista riferisce salendo e navigando su un Camuffo. Ma questo C50 FB ha suggerito un paio di spunti differenti: la barca, come si vedrà dalle immagini, rappresenta, per chi conosce la tradizione costruttiva del cantiere di Portogruaro, una piccola/grande rivoluzione, sia nelle linee dell'opera morta che nella disposizione e nello styling degli interni. Allora abbiamo chiesto a Marco Camuffo come fa, con un cambiamento sostanziale delle paratie strutturali, una disposizione interna completamente diversa (salone con dinette particolari e sbalzate, mobili e strutture riveduti, cabina armatore centrale e due cabine ospiti decentrate e surdimensionate, tuga completamente ridisegnata e più filante, vetrate e oblò riveduti, originale doppio passo d'uomo in coperta), come fa a mantenere prestazioni e comfort a bordo? Prestazioni che abbiamo rilevato e che, rimandando il lettore alla scheda e al grafico delle prestazioni e dei consumi, sono davvero straordinarie e per di più ottenute con un comfort, un' assenza di vibrazioni, una stabilità eccellenti.

Questo personaggio della nautica ha parlato di una tenuta di mare con appoggio di carena maggiore, di ordinate dello scafo e dell'opera viva deviate per aumentare la portanza del baricentro, ha ricordato che ogni barca Camuffo è praticamente «doppia», cioè costituita da due «controstampi» di legno che garantiscono la completa smontabilità della barca con mani e cacciavite (sono oltre 600 pezzi), e via di questo passo. Poi ha concluso dicendo: «solo i cavalli di razza possono correre». Firmati Camuffo, aggiungiamo. Non si può dire altro: solo aspettare quale altro mistero racchiuderà il prossimo cavallo di razza che nascerà a Portogruaro.

SCHEDA TECNICA

Progettista: Marco Camuffo
Costruttore: Cantiere Navale Camuffo>; Via Zambaldi 33; 30026 Portogruaro (VE); tel. 0421/71419; fax 72890
Abilitazione alla navigazione: oltre 6 miglia
Stazza lorda: t 28
Assoggettata a IVA: 19%
Importo tassa di stazionamento annuale: L. 4.720.000
Lunghezza f.t.: m 15,20
Lunghezza di costruzione: m 15,20
Lunghezza al galleggiamento: m 13,20
Larghezza massima: m 4,55
Altezza di costruzione: m 2,35
Immersione sotto le eliche: m 1,20
Dislocamento a vuoto: kg 22.000; a pieno carico: kg 25.000
Portata omologata: 14 persone
Totale posti letto: 7 + 2 in 5 ambienti
Motorizzazione: 2x680 HP MAN D2848LXE EB TD
Potenza complessiva installata: HP 1.360
Potenza fiscale complessiva: HP 150
Peso totale motori con invertitori: kg 3.160
Rapporto dislocamento a vuoto dell'imbarcazione/potenza dei motori installati: 16,17
Tipo di trasmissione: asse/elica
Velocità max dichiarata: nodi 44
Velocità di crociera: nodi 28
Consumo dichiarato della motorizzazione, a velocità di crociera: litri/h 120
Autonomia a velocità di crociera: mgl 460
Capacità serbatoio carburante: l 2.000
Capacità serbatoio acqua: l 800
Prezzo: a richiesta a seconda della motorizzazione e degli allestimenti.

CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE

Carena: a V planante con ordinate deviate
Costruzione e strutture: superlamellare marino corazzato
Coperta: teak massello, ferramenta esterna in lega leggera anodizzata e acciaio inox
Zona di prua: pulpito, ancora con verricello, 4 bitte principali con passacavi e 2 per spring a metà barca, prendisole, 2 passi d'uomo
Pozzetto: panca poppiera, gavone centrale con boccaporto per entrata in stiva, due ampi stipi laterali, scala salita al flying
Plancetta poppiera: carabottino in teak, passerella multifunzione, doccia con miscelatore, scala bagno
Sovrastrutture: superlamellare marino corazzato, roll bar, vetrate in cristallo temperato, profili in lega leggera
Flying bridge: roll bar, controplancia completa di tutti i rinvii, sedute contrapposte per 6 persone, pontatura in teak, deflettore per aria.

INTERNI

Suddivisione e caratteristiche: salone con doppia dinette, (a L a dritta e lineare a sinistra, entrambe trasformabili), plancia con seduta, carteggio su tavolo in radica, dinette a L, mobili e stipi numerosissimi. Cucina a sinistra scala discesa zona notte. Cabina ospiti a prua, con due cuccette sfalsate a castello e armadio. A dritta, sempre a prua, seconda cabina ospiti con 2 cuccette a V semi matrimoniale e grande armadio. Bagno ospiti a poppavia a sinistra, mentre contrapposto, troviamo un grandissimo armadio. Cabina armatore centrale con matrimoniale e bagno privato. Cabina marinaio a prua con servizi. Porte cabine con deliziosa persianina apribile per areazione. Essenze utilizzate: mogano, khaya ivorensis, radiche chiare, erable. Tappezzerie in pelle o a richiesta dell'armatore
Posto di pilotaggio interno: timoneria a ruota, strumentazione completa motori, bussola, VHF, radar, ecoscandaglio a colori, SSB, log, Plotter Pan Navigator, GPS, autopilota
Zona cucina: pensili e cambusa, frigo da 80 litri, cappa aspirante, lavello, zona cottura con 2 fuochi a gas e uno elettrico, a richiesta altri elettromestici.

ACCESSORI

Dotazioni di serie: verricello salpaancora, stereo Hi-Fi, generatore Kholer, boiler, passerella idraulica.

LE IMPRESSIONI

CONDIZIONI DELLA PROVA
Vento: assente
Mare: calmo

PRESTAZIONI RILEVATE
Tempo di planata da fermo: 5 sec. con motore a 1.200 giri/min.
Regime e velocità minimi di planata: 1.200 giri/min. 14 nodi
Velocità massima: 44 nodi per una potenza erogata di HP 1.360 a 2.350 giri/min

VALUTAZIONE PRESTAZIONI

Tenuta di mare: barca stabilissima, con assenza totale di vibrazioni, governabilità eccellente
Risposta timone, trim e flap: precisa e sollecita
Visibilità nelle diverse condizioni: ottima soprattutto dal salone con visuale a 360°
Manovrabilità di approdo: molto buona, anche grazie alle razionali e robuste attrezzature di ormeggio e ai grandi spazi di coperta.

VALUTAZIONI COMFORT E FUNZIONALITÀ

Coperta: ben percorribile, ottime componentistiche, molto bella la pontatura in teak
Flying bridge: ottima accessibilità, compatta e sicura la zona di manovra e guida
Interni: un discorso a parte e troppo lungo meriterebbero ebanistica e rifiniture. Sono interni "Camuffo", però con una innovativa soluzione di compartimentazione che ci è piaciuta molto
Comfort passeggeri: comfort "Camuffo"
Posizione e comfort pilotaggio: ottima
Zona carteggio: si può usare il tavolo del salone ma, vista la imponente dotazione elettronica, il carteggio è praticamente inutile
Zona cucina: molto bella e fuzionale, bellissimi i mobili e le componentistiche
Servizi: molto ampi e ben accessibili
Accessibilità e funzionalità vano motore: la sala macchine è, come tradizione del cantiere, una delle zone della barca più curata e funzionale. Molto valide le impiantistiche
Centralina impianto elettrico: progettata e realizzata dal cantiere, una garanzia.

QUELLO CHE CI È PIACIUTO

Di più: oltre alle ben note qualità delle barche Camuffo (coibentazione, assenza di muffe e di odori, quindi "salute" a bordo e durata e rivalutazione del mezzo nel tempo), è piaciuta molto la nuova compartimentazione interna a fronte delle immutate capacità navigative.

Di meno: nell'ultima prova fatta su una barca Camuffo, scrivemmo che non erano piaciuti gli interni come design perché troppo "tradizionalisti". Il cambiamento di questa barca va registrato come un piccolo/grande complimento del cantiere nei nostri confronti!!! Continuiamo a non condividere il fatto che sul flying bridge le sedute e la plancia siano un pò troppo essenziali e manchi una divaneria o una zona bar/compagnia. La prossima creatura terrà conto di questa modesta osservazione?