Superyacht.eu Nautica Digitale
Share this page
Tell a friend


IMPRESSIONE DI NAVIGAZIONE

Articolo estratto dall'archivio di migliaia di prove di barche effettuate da Nautica in quasi 50 anni di attività

Prove di navigazione

Si ricorda che il modello oggetto di questa prova potrebbe essere fuori produzione mentre il prezzo, se presente, si riferisce al momento della pubblicazione dell'articolo sulla rivista

Per eventuali informazioni aggiornate sul modello in prova nonché su tutti gli altri modelli prodotti dal medesimo cantiere vi rimandiamo al nostro
ANNUARIO
DELLA NAUTICA

Testo e foto di
Fabio Petrone


Cantieri del Golfo - Italcraft
SARIMA

Sarima

La Mini o il Maggiolino sono nomi che, agli appassionati di auto, ricordano vetture che hanno fatto epoca. In pratica dei veri e propri must per parecchie generazioni di automobilisti visto che, grazie all'enorme successo riscontrato, furono prodotte in milioni di pezzi e per di più in un lasso di tempo molto ampio. È abbastanza normale, quindi, che ben presto tutte e due queste vetture, aggiornate tecnicamente ed esteticamente, vengano di nuovo prodotte, per la gioia di nostalgici e nuovi fans. Lo stesso, seppur con le dovute proporzioni, accade nel mondo della nautica con il Sarima.

Questa barca, infatti, con oltre 700 esemplari prodotti in più di trent'anni, è stata sicuramente una delle più vendute di tutti i tempi, un fenomeno difficilmente replicabile, in un mondo dove le produzioni più estese, specie con barche di una certa lunghezza, si limitano a poche decine di unità. All'Italcraft, gruppo Cantieri Navali del Golfo, sono però certi che anche il nuovo Sarima, nonostante la pesante eredità di quei numeri, saprà ritagliarsi un suo preciso spazio nel panorama del diporto nautico. Alla base di tutto c'è una carena collaudatissima, sperimentata in vasca navale e soprattutto in mare, con le molte imbarcazioni della Guardia di Finanza, dei Carabinieri e di altre organizzazioni preposte al controllo delle nostre acque, che l'adottano e che, quotidianamente, con essa affrontano condizioni fra le più disparate.

Questa grossa tiratura della carena consente, oltretutto, di contenere i costi complessivi del nuovo Sarima, decretando a nostro giudizio un buon rapporto qualità/prezzo. Disponibile anche nella versione entrobordo con trasmissioni Arneson, il Sarima si è dimostrato un open in grado di offrire ottime performance in navigazione, sia come velocità che come doti di governo, e un livello di comfort davvero molto buono.

SCHEDA TECNICA

Progettista: Cantiere
Costruttore: Cantieri Navali del Golfo - Italcraft; Lungomare Caboto 29; 04024 Gaeta (LT); tel. 0771 712110; fax 0771 470052
Categoria di progettazione CE: "A"
Importo tassa stazionamento annuale: L 849.000
Assoggettata a IVA: 20%
Lunghezza ft: m 11,85
Lunghezza omologazione: m 10,76
Larghezza massima: m 3,65
Altezza di costruzione: m 1,92
Immersione sotto le eliche: m 0,95
Dislocamento a vuoto: kg 5.400; a pieno carico: kg 6.400
Portata omologata: 10 persone
Totale posti letto: 4 in 2 ambienti + 2 nella dinette trasformabile
Motorizzazione: 2x230 HP Volvo Penta KAD43P DP entrofuoribordo diesel
Potenza complessiva installata: HP 460
Potenza fiscale complessiva: CV 60
Peso totale motori con invertitori: kg 1.140
Rapporto dislocamento a vuoto dell'imbarcazione/potenza motori installati: 11,74
Tipo di trasmissione: piede poppiero
Velocità massima dichiarata: nodi 38,5
Velocità di crociera: nodi 33
Consumo dichiarato della motorizzazione a velocità di crociera: l/h 69
Autonomia a velocità di crociera: miglia 383 circa
Capacità serbatoio carburante: l 800
Capacità serbatoio acqua: l 250
Trasportabilità su strada: non carrellabile
Prezzo con dotazioni standard e motorizzazione della prova: L. 333.000.000 + IVA

CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE

Tipo di carena: a V variabile, con linea di spigolo e ruota di prua pronunciate. I pattini di sostentamento, due per lato, si interrompono a circa metà imbarcazione, proprio dove l'angolo di deadrise si riduce sensibilmente. La carena è stata sottoposta, con un modello in scala, a test nella vasca navale INSEAN di Roma. Il processo di stratificazione della carena e della coperta avviene in ambiente termoigronomicamente controllato, secondo gli standard previsti dalla qualità aziendale, certificata ISO 9001
Materiale di costruzione: vetroresina con rinforzi in kevlar
Materiali e caratteristiche di coperta: vetroresina in sandwich di PVC
Zona di prua: realizzata in sandwich di PVC, con calpestio antisdrucciolo. L'area è sfruttabile come prendisole e, a richiesta, può essere protetta da una battagliola perimetrale. L'accessibilità è discreta
Organizzazione e attrezzature del pozzetto: posto di pilotaggio collocato a dritta, servito da un divanetto per due persone. La plancia contiene tutta la strumentazione per il controllo dei motori più, a richiesta, gli apparati elettronici tipo plotter cartografico, Hi-Fi e VHF. Mancano gli indicatori dei flap. Ben disposti i vari interruttori degli accessori fondamentali, quali luci, tromba o salpa ancora. La plancia, sul lato sinistro, grazie a un'ampia superficie piana, può essere sfruttata come zona carteggio esterna. Il resto del pozzetto è stato allestito con un divano poppiero, a tutta lunghezza, parte integrante di un'ampia zona dinette ricavata sul lato sinistro dell'area. A poppavia, sopra il cofano del vano motori, è stata realizzata una generosa area prendisole, interamente cuscinata
Caratteristiche plancetta poppiera: è realizzata in vetroresina e ha una superficie di m 1,10x2,86. L'accessibilità dal pozzetto è garantita da una scaletta in acciaio inox. Inoltre, è dotata di invaso per il trasporto del tender, di scaletta da bagno a scomparsa e di doccetta con acqua dolce
Materiali sovrastrutture e vetrate: l'intelaiatura del parabrezza è in acciaio inox AISI 316 mentre le superfici vetrate sono in plexiglass.

INTERNI

Suddivisione e caratteristiche: la pianta degli interni di questo Sarima ha uno sviluppo abbastanza classico, con la cabina armatoriale a prua, la zona dinette, peraltro trasformabile in altri due posti letto, contrapposta all'angolo cottura. Quindi, troviamo l'aft cabin, praticamente a centro barca, dotata di un secondo ed ampio matrimoniale. Il bagno è uno ed è dotato di doppio accesso, dalla cabina armatoriale e dal quadrato. Tutti gli ambienti sono ben aerati e luminosi, grazie alla presenza di oblò (complessivamente sono 6), del passo d'uomo nella cabina di prua e di una ricca dote di faretti alogeni
Zona cucina: è dotata di angolo cottura con due fuochi, a scomparsa, lavello in acciaio inox, anch'esso a scomparsa, piano di lavoro rivestito in vernice antigraffio, armadio pensile a due ante, due cassetti e armadio sottolavello.

ACCESSORI

Dotazioni di serie: antivegetativa e linea di galleggiamento; asta bandiera in acciaio, ancora Hall da kg 18; bandiera nazionale; boccaportello in lega leggera verniciato bianco; bombola gas con impianto; tre estintori; impianto automatico antincendio in sala macchine; gancio d'accosto; piattaforma da bagno in vetroresina, scaletta bagno; scaletta salita pedana in acciaio e teak; serbatoi combustibile; serbatoio acqua dolce; verricello elettrico con comando tiro-varo dalla plancia completo di cubia inox e m 75 di catena da mm 8
Optional: GPS cartografico con antenna + 1 cartuccia VCC/A zona richiesta; impianto flap con indicatori (di serie su Sarima con motori entrobordo); indicatori serbatoi gasolio sul cruscotto; indicatore serbatoio acqua sul cruscotto; generatore elettrico da 2,8 kW; impianto radio stereo con frontalino estraibile e chiusura stagna, 2 casse acustiche stagne esterne, 2 casse acustiche interne, antenna in resina AM/FM; impianto TV con antenna e 2 prese (salone e cabina di prua); cappotta parasole di navigazione (bimini top); tavolo esterno; frigo esterno; nome imbarcazione a poppa; set gommone composto da gommone con carena rigida da cm 200, due selle in teak, due cinghie rizzaggio, motore f.b. da 2,5 HP; set navigazione composto da mezzo marinaio, 6 parabordi, due cime di poppa con impiombatura, catena e moschettone; telo copricruscotto; set dotazioni di sicurezza; immatricolazione e annotazioni di sicurezza; colore blu dello scafo; invasatura; aria condizionata con gruppo elettrogeno maggiorato; trasmissione Arneson ASD 08.

LE IMPRESSIONI

CONDIZIONI DELLA PROVA
Vento: 5/6 nodi
Mare: lungo di risacca
Note: barca provata con mezzo serbatoio di carburante, pieno d'acqua, dotazioni standard e 4 persone a bordo.

PRESTAZIONI RILEVATE
Tempo di planata da fermo: 6 secondi
Regime e velocità minimi di planata: 2.000 giri/min, 15,2 nodi
Velocità di crociera: nodi 30,7 a 3.400 giri/min
Velocità massima: nodi 38,5, a 3.900 giri/min per una potenza erogata di HP 460

VALUTAZIONE PRESTAZIONI

Tenuta di mare, governabilità, virata e comportamento sull'onda: le condizioni meteomarine quasi ottimali non ci hanno consentito di saggiare fino in fondo le potenzialità di questa carena che, tuttavia, si è mostrata efficiente sia sotto il profilo della governabilità sia sotto quello del comfort fornito negli impatti con l'onda, almeno quella provocata da scie di altri scafi. Il dato secondo noi più significativo è quello fornito dalla rapidità con la quale lo scafo entra in planata, con una condizione di sostentamento sull'onda già raggiunta quando i motori sono ancora a basso numero di giri. Ciò dovrebbe consentire, in maniera significativa, il contenimento dei consumi dei motori con una navigazione comunque già sufficientemente veloce
Risposta timone, trim e flaps: nelle varie evoluzioni compiute abbiamo potuto apprezzare una risposta al timone molto pronta ed efficace sia in piena velocità che a mezzo gas. In quanto all'uso di trim e flap dobbiamo dire che la barca è abbastanza sensibile alle variazioni di assetto comandate da questi organi anche se il loro utilizzo, almeno con le stesse condizioni ambientali e di carico presenti nella prova, è molto limitato. La velocità massima è stata raggiunta con flap scarichi e trim a +2
Visibilità nelle diverse condizioni: eccellente anche quando si pilota da seduti. Buona la protezione del parabrezza
Manovrabilità di approdo: la doppia motorizzazione entrofuoribordo rende la barca estremamente manovriera e ben gestibile anche negli spazi stretti

VALUTAZIONI COMFORT E FUNZIONALITÀ

Coperta: è caratterizzata da un design abbastanza classico e pulito, con una suddivisione praticamente simmetrica dello spazio: metà dedicato al pozzetto e l'altra al ponte di prua. Qui la scelta di non installare una battagliola è puramente estetica, consueta per questo tipo di imbarcazioni, anche se limita la fruibilità dell'area. Tuttavia, su richiesta, è possibile installarne una in acciaio inox. Il pozzetto è bello da vedere, curato nell'allestimento e sufficentemente ampio per accogliere parecchi ospiti
Interni: grandi e particolarmente accoglienti in relazione alle dimensioni complessive dello scafo. Anche l'aft cabin, pur se dispone di meno spazio, soprattutto in altezza, risulta essere ben confortevole. L'arredamento è consono agli standard tipici del made in Italy, sia per quel che riguarda i mobili che per la scelta cromatica di tappezzerie e accessori. Va solo considerato che, essendo quello provato praticamente un prototipo, qualche elemento di finitura potrà essere modificato e migliorato. Molto accogliente la dinette interna, che adotta un tavolo con apertura a libretto ben dimensionato. Sufficiente la dote di gavoni, armadi e stipetti dove stivare cambusa ed effetti personali
Comfort passeggeri: il comfort degli ospiti è uno dei punti fermi che caratterizzano questo Sarima. Nel pozzetto, ad esempio, anche durante le prove di velocità, con i motori al massimo e la barca lanciata a quasi 40 nodi, era possibile colloquiare tranquillamente, con un tono di voce assolutamente normale. Merito di una buona coibentazione del vano motori e della protezione offerta dal parabrezza, ben dimensionato. La sua efficacia è in parte riscontrabile anche stando stesi sul prendisole poppiero
Posizione e comfort posto di pilotaggio: complessivamente buona anche se avremmo preferito una ruota del timone regolabile nell'inclinazione. Per il comfort vale il discorso generale fatto sul pozzetto
Zona cucina: di buone dimensioni e accessoriata in maniera completa. Molto spazio a disposizione per stoviglie e cambusa
Servizio: non grandissimo, realizzato però rispettando regole di ergonomia che lo rendono ben fruibile
Agibilità e operatività interna vano motori: il vano è accessibile con il sollevamento elettroidraulico del prendisole poppiero. Tutto risulta facilmente ispezionabile e a portata di mano
Centralina impianto elettrico: il pannello che si trova in cabina, dotato di interruttori magnetotermici e indicatori di tensione, ci è sembrato ben realizzato e completo.